Non più ghepardi a Dubai

Di questa notizia ne sarà particolarmente felice la mia amica Hannah, agiata e bella signora straniera che ha dedicato la sua vita e le sue risorse per la causa degli animali. In una delle sue tenute italiane è arrivata persino a ospitare 3 tigri rimaste senza “casa” in seguito al fallimento del circo che le aveva acquistate.

Tra i felini è il ghepardo il meno aggressivo ed è anche il più veloce del mondo, può raggiungere i 110 km/h.
Nel suo ambiente la sua velocità di spostamento lo induce a spostarsi oltre le aree protette, oltre i limiti dei parchi. Il 77% del loro habitat è fuori delle aree protette.



Ormai estinti in Asia ce ne sono solo 50 esemplari in Iran. In Africa, Zimbabwe, il numero di ghepardi è passato, in soli 16 anni, da 1.200 a 170!
Una delle principali cause è il commercio illegale di cuccioli destinati proprio al Golfo Persico dove vengono usati come animali da compagnia.
Da anni a Dubai c’è la moda tra i ricchi signori di utilizzare i felini e in special modo i ghepardi come segno di lusso, utilizzati al posto dei cani da guardia e come dimostrazione di potere. 
Si vedono viaggiare in auto con a fianco il loro felino e postano sui social immagini in cui giocano nei loro giardini con tigri, leoni e ghepardi.

Questi meravigliosi animali ovviamente provengono dal mercato nero dove possono essere pagate anche 10.000 dollari. I dati sono allarmanti: in 10 anni sono 1.200 i cuccioli rubati all’Africa dei quali l’85% non supera il viaggio.
Ma ora, fortunatamente c’è una legge imposta da Zayed Al-Nahyan, presidente degli Emirati Arabi, che vieta tigri, leoni o leopardi come animali da compagnia.
La nuova legge vieta la transazione o il possesso di “tutte le specie di animali selvatici e domestici pericolosi”.
“Chiunque esca in pubblico con un leopardo, un ghepardo o simili animali esotici sarà condannato ad una pena di prigione di fino a sei mesi e ad una multa di fino a 500.000 dirham (130.000 euro)”.
L’utilizzo di animali selvatici per “terrorizzare” andranno incontro a una pena detentiva o di una multa di fino a 700.000 dirham, 182.000 euro.
Proprio una buona notizia!


ritratti_di-animali_da_compagnia