Elefanti “nuovi”: un’idea di Madre Natura

L’evoluzione della specie nei millenni ha assicurato la sopravvivenza grazie alla capacità degli essere viventi di modificare il proprio patrimonio genetico per adattarsi all’habitat quindi agli eventi climatici e per sfuggire ai predatori.
C’è un grande pachiderma che, purtroppo, da anni viene cacciato dai bracconieri per le i “suoi denti”.
È l’elefante del quale, dal 2007 al 2014 in tutta l’Africa sono stimati almeno 140mila esemplati abbattuti.

Avorio.
Le zanne del grande animale sembrano avere poteri curativi o ricostituenti soprattutto in Cina dove l’avorio è tutt’oggi ricercato più dell’oro di cui supera il valore. Viene reclamizzato come rimedio a molte malattie e come metodo per aumentare fertilità, forza e virilità. Ovviamente non c’è nessuna prova scentifica!
A prescindere dal fatto che nel 2017 è stato imposto un divieto al commercio, l’oro bianco è diffuso in Africa e Asia, con notevoli introiti di denaro.

pippo

Ora pare che la selezione naturale stia favorendo la nascita di individui con zanne di dimensioni sempre minori, se non addirittura sprovvisti. Ora un terzo della popolazione di elefanti femmine del Mozambico sta nascendo con questa nuova caratteristica. Secondo Joyce Poole, scienziata del National Geographic, esploratrice ed esperta del comportamento degli elefanti, si tratta della risposta evolutiva della specie, vessata da secoli di sterminio a opera del bracconaggio.


VUOI IL RITRATTO DEL TUO CANE O DEL TUO GATTO? CLICCA QUI SOTTO.

ritratti_animali


L’esperta riferendosi a quanto successo tra il 1977 e il 1992 quando la guerra civile decimò il 90% gli elefanti del Gorongosa uccisi per l’avorio. “Quel periodo ha lasciato delle cicatrici profonde negli animali che si possono capire meglio oggi”. Secondo i ricercatori colleghi di Joyce, metà delle femmine nate in seguito erano senza zanne. Oltre il 30% delle elefantesse nate dopo la guerra ha infatti ereditato questa caratteristica genetica. È come se Madre natura avesse deciso di proteggere la specie togliendola così all’interesse avido e spietato dei bracconieri.

Le zanne sono però un elemento essenziale nella vita degli elefanti: servono per scavare alla ricerca di acqua nei periodi di siccità, per trovare radici, staccare cortecce, per difendersi e sono simbolo di dominanza sessuale per gli esemplari maschi. Ora c’è da chiedersi come gli elefanti faranno senza. In ogni caso è una splendida notizia!


GUARDA I RITRATTI CHE HO FATTO!