Basenji vivace e curioso

 

Milo, olio su tela 40×30 cm, febbraio 2015
Un giovane basenji che abita in provincia di Rovigo.

Wikipedia descrive così questa razza:”Il basenji è una razza di cane originaria dell’Africa centrale, specificatamente della regione del Congo. L’origine del suo nome deriva dalla lingua bantu e significa indigeno.
Altri nomi sono: cane del Congo, cane degli egizi, cane della boscaglia africana, cane che non abbaia, avuvi, ango angari.
Sui graffiti egizi le prime immagini di questo animale. Lo si credeva completamente estinto, ma gli inglesi colonizzando l’Africa lo riscoprirono nelle regioni tra il Congo e il Sudan del Sud a metà del 1800. Le tribù pigmee ne sfruttavano l’eccellente vista, la velocità e la silenziosità per la caccia. Era utilizzato anche come guida nella foresta e come segnalatore di animali feroci. I basenji venivano utilizzati nella caccia per spingere le prede entro le reti del cacciatore. Le tribù azande e mangbetu, nel Congo del nord-est, chiamano i basenji, nella lingua locale lingua lingala, mbwá na basɛ́nzi, che tradotto significa “cani dei selvaggi” o “cani degli abitanti dei villaggi”. In Congo i basenji sono anche noti come “cani dei cespugli”. Essi sono anche noti presso gli azande del Sudan come “ango anzari”. Sono stati poortati in Inghilterra e affinati a partire dagli anni trenta.”

E’ un cane curioso e veloce. Quando l’ho conosciuto mi ha annusata per bene, mi sono quasi sentita “scansionare olfattivamente” da lui. Appena sono entrata nella casa della mia amica Gloria non ho fatto in tempo ad appoggiare il braccio a un muretto che lui era già salito sullo schienale del divano e si trovava con il suo orecchio ad annusarmi il viso.
Agile a dir poco.
Ha una bellissima coda a ricciolo. La vedi nella foto qui sopra.

Vuoi un ritratto anche tu?
CLICCA QUI

 


Guarda gli altri ritratti: CLICCA QUI.

 

Categorie

Guarda i ritratti a olio su tela di: